Luciano: 
a seguito di alcuni interessanti scambi di opinione con Leonardo circa tracce ..... cacche (.. ed altre piacevolezze del genere) ho pensato di inserire una nuova discussione tutta dedicata ai segni di presenza che ciascuno di noi normalmente vede (molto più facilmente di chi li lascia), per “affinare” un po’ la “lettura” di queste tracce che spesso sono il primo fondamentale elemento su cui basare la conoscenza di un determinato territorio. 
Inseriremo quindi immagini o descrizioni di tracce e segni di ogni tipo che cercheremo poi assieme di identificare e di imparare a determinare. Visto che tra le tracce più facili da osservare ci sono le impronte di zampe e zoccoli, iniziamo con la nomenclatura delle varie parti dello zoccolo, utilizzando per lo scopo una zampa anteriore destra di capriolo (la denominazione delle varie parti resta valida per tutti i nostri ungulati selvatici, variano solo la forma e le dimensioni). Vi anticipo alcune cose che poi rivedremo meglio “strada facendo”: è una zampa anteriore perché gli speroni sono molto più vicini allo zoccolo di quanto lo siano nei posteriori, ed è una zampa destra perché lo zoccolo esterno è sempre leggermente più lungo e arcuato di quello interno; quelli che sono indicati col nome di “glomi o fettoni”, vengono a volte chiamati “cuscinetti plantari” .
 
1° immagine da determinare:
Leonardo: 
di botto direi cinghiale: 
a) è l'unico nella cui impronta restino pressochè sempre i segni degli speroni (perchè collocati più in basso rispetto agli altri) 
b) la leggera divaricazione delle unghie e la forma depone verso il cinghiale più che verso altri. 
c) le dimensioni sono compatibili. 
Non è però che la cosa sia (per me) priva di dubbi (conoscendo poi la sottile perfidia di Luciano) perchè, nonostante in genere i vari ungulati non lascino segno degli speroni, può comunque capitare che, specie in terreni molto fangosi e morbidi (come questo) o sulla neve, anche gli speroni, per esempio del cervo, arrivino ad imprimersi al suolo .... 
....e il mio dubbio sta proprio in questo: gli speroni del cinghiale sono quasi sempre piuttosto sporgenti rispetto ai lati dell'impronta dello zoccolo (forma trapezoidale) mentre quelli del cervo (quando l'affondamento è sufficiente a lasciare il segno) non sporgono dai limiti laterali dello zoccolo (perchè anatomicamente posizionati diversamente); In questo caso, quindi, il fatto che si tratti di un terreno molto morbido, il fatto che i segni degli speroni non sporgano lateralmente quanto mi aspetterei dal cinghiale ed il fatto che a postare la foto è stato Luciano avrei il dubbio possa trattarsi di un cervo. (anche se le unghie mi paiono però più da cinghiale). 
Rimisurando la distanza degli speroni dalle unghie l'ipotesi cervo prende più forza !! 
Capriolo e altri direi di no per via delle dimensioni. 
Mirga:  
Anche io avrei detto di botto cinghiale... ma osservando bene mi sono venuti dei dubbi: in particolare le dimensioni del piede mi sembrano un po' eccessive per un cinghiale, e gli speroni da quel che mi ricordo dovrebbero essere più vicini alle unghie mediane e più sporgenti lateralmente. Forse, come ha detto Canghy, potrebbe essere un cervo che è un po' "sprofondato" nel terreno?  
Ataru: 
Secondo me, per le dimensioni e per la posizione degli speroni, non direi cinghiale ma cervo adulto....in corsa!
Luciano: 
RAGAZZI ........ SONO ENTUSIASTA!!!!!!  
Se trovassi tanta attenzione e voglia di ragionare in tutti gli aspiranti cacciatori di selezione .... sarei molto contento! 
Rimando però un po’ la soluzione dandovi una ulteriore dritta (come dice Leo la mia sottile perfidia mi ha indotto a cercare di fregarvi ...... e ci sono parzialmente riuscito)!! 
Valutando le dimensioni dell’impronta, dovete considerare che il righello è posizionato in modo da includere il segno degli speroni, considerando le sole “pinzette” (o zoccoli) l’inizio e a circa 7 centimetri e la fine a 13, quindi zoccolo lungo circa 5 cm. 
Modifiche??
Leonardo: 
Forse si ! Capriolo fuori gioco perchè piccolo, cervo fuori gioco perchè grande, muflone ci potrebbe stare ....... però......, rilancio con daina femmina !! 
Ataru: 
Mmmmm.....forse sono stato affrettato, effettivamente le impronte di un cervo adulto dovrebbero essere 7/9 cm...giusto?? 5 cm....allora potrebbe starci anche capriolo.....
Luciano: 
In effetti ci sta Federico! Avete comunque fatto tutti dei ragionamenti molto validi, specie in relazione agli speroni, ma vi siete basati un po’ troppo sulle dimensioni; vista la partenza comunque in breve tempo diventerete tutti più bravi dei più smaliziati “tracciatori”!!! 
Ora vi posto alcune dia relative a zampe ed impronte di capriolo, vi accorgerete così che l’orma del capriolo oltre ad altre peculiari caratteristiche, come gli speroni degli anteriori molto vicino alla suola (più vicini che nel cervo), ha la particolarità di imprimere gli speroni “ruotati” di 90° rispetto alla linea delle suole (questo rende la sua orma anteriore spesso inconfondibile)! 
P.S. la distanza dalla suola degli speroni, la loro conformazione e le dimensioni e forma dei fettoni (o cuscinetti plantari) ci raccontano spesso molte più cose di quanto siano in grado di fare il passo, lo scarto laterale, ecc.
Leonardo: 
Azz..... il capriolo ?! Azz..... il capriolo ?! ... l'avevo escluso. Da quanto ricordavo non poteva superare i 4,5 cm, ma evidentemente devo fare un "tagliando" alla memoria .... 
Luciano: 
Ciao Leo, non credo sia necessario fare il fatidico "tagliando", bisogna mettere in conto le differenze di dimensioni delle varie popolazioni di capriolo: i caprioli presenti nelle Alpi sono mediamente più piccoli di quelli Tosco-Romagnoli (cito questa popolazione perché conosco i dati di molti individui), F. Perco nel suo libro “Ungulati” riporta come peso pieno dei caprioli 21-25 Kg per i maschi e 20-23 Kg per le femmine, mentre la femmina di cui vi ho postato la foto delle zampe ha fatto registrare un peso pieno di 26 Kg, e non è certo un record, riscontriamo di frequente pesi anche superiori a questo; il record assoluto (che mi ricordo io) è stato il peso di un maschio “parruccone” abbattuto diversi anni fa ......38 Kg!!! Quindi se la tua conoscenza pregressa è relativa alla zona Alpi ... è possibile che le dimensioni massime siano quelle, tieni comunque presente che ci sono elementi più importanti delle dimensioni. 
Sul fatto che non sia facile imparare a discriminare le tracce concordo pienamente; considera che io ho impiegato diversi anni a imparare quel po’ che so attualmente, girando l’Appennino con uno zaino “zavorrato” da alcuni kg di scagliola e gesso, alcuni litri di acqua e i telaini che mi ero preparato per fare i calchi di tutte le impronte che non riuscivo a riconoscere, disseminavo di calchi il percorso (che poi facevo a ritroso per recuperarli) e giunto a casa mi ricostruivo (facendo altri calchi) le impronte da classificare così come le avevo viste sul terreno (la pazzia si manifesta in molti modi)!!! 
Anche in questo caso c’è stato però poi un “ritorno” di gratificazione .... tutti i calchi di impronte che potete vedere nei centri visita del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi ... sono usciti dalle mie mani! (lo so che chi si loda s'imbroda ....... ma tant'è!!!)  
L’ importante in questo genere di cose è .... non dare mai niente per scontato e valutare tutte le possibilità partendo dalle più semplici e ovvie (è sbagliato cercare a tutti i costi di vedere un’impronta di lince ... in un’impronta risultante magari dalla sovrapposizione di due orme di cane!!! ) Prossimamente valuteremo le caratteristiche dei “piedi” dei vari ungulati e cercheremo di discriminare altre impronte.
 
2° immagine da determinare:
Michimor: 
Per quanto riguarda l'impronta,bparto dicendo che, grazie al forum, ho scoperto che anche altri ungulati lasciano la traccia degli speroni e non solamente il cinghiale. Viste le dimensioni "grandi", circa 12cm gli zoccoli su terreno fangoso quidi ingrandita, si tratta di cinghiale o cervo, ma vista la distanza tra i due speroni abbastanza vicini dico CERVO! 
Luciano: 
... se qualcuno di voi non avesse voglia di tentare una classificazione .... potrebbe procedere per esclusione .... postando quale specie secondo lui sicuramente "non è" .... (per fare un esempio ..... sicuramente non è un tasso perchè si vedono degli zoccoli e non dei "polpastrelli")! 
Elenamonti: 
Escluderei il capriolo per via delle dimensioni (troppo grande) e il cinghiale (troppo "slanciata"). Mi resta il dubbio fra daino e cervo. Nel daino i fettoni dovrebbero essere evidenti e di grande dimensione. Sono meno marcati nel cervo, quindi..... propendo per il cervo. Dirò di più: anteriore destro?? 
Luciano: 
Mi piacerebbe sentire qualche altro parere; nel frattempo faccio i complimenti a Elena per i ragionamenti, che devono essere sempre il fondamento di qualsiasi determinazione (sia essa giusta, sia sbagliata) e le chiedo una ulteriore delucidazione: perché secondo te è l’impronta dello zoccolo anteriore destro? 
Ataru: 
Per quanto riguarda la traccia.....mmmmm....... Provo a dire cervo, per via della forma "rotondeggiante" e delle dimensioni. Dovrebbe essere anteriore (se dx o sx non saprei!!): 
gli speroni degli arti anteriori dovrebbero essere più vicini allo zoccolo, e quinidi più facilmente osservabili. L'impronta del daino, se non erro, di solito presenta in modo evidente i fettoni, piuttosto voluminosi, ma difficilmente si osservano gli speroni per via della distanza dallo zoccolo.....dico bene?? 
Elenamonti: 
Destro perchè lo zoccolo di destra mi pare più lungo di quello a sinistra e normalmente è lo zoccolo esterno a essere più lungo. anteriore per via delle dimensioni, ovvero: i posteriori dovrebbero essere un po' più piccoli ..... anche se sulla scelta di anteriore ho qualche dubbio .... 
Luciano: 
A questo punto (dal momento che siete stati tutti piuttosto bravi ed avete azzeccato la specie) direi di esprimere le considerazioni finali ......... non prima di aver proclamato il vincitore del nostro “mini gioco”: ..Per completezza e rapidità della risposta .... per avere “detto di più” senza remore ...... e per essere restata per molte ore nella vana attesa della “bacchettata sulle dita” ......... THE WINNER IS ........... ELENAAAAAA!!!!! .....  
Infatti è l’impronta della zampa anteriore destra di un maschio di cervo; devo però completare alcune considerazioni, e per farlo mi aiuto con due immagini: nella prima rivedete l’impronta del “quiz” con alcuni segni di spiegazione; nella seconda a titolo di raffronto un’impronta dello zoccolo anteriore destro di un capriolo (qui distinguere il maschio dalla femmina è cosa ardua). 
Sulla distinzione delle orme anteriori dalle posteriori è giusto quanto detto da Ataru: gli speroni degli arti anteriori sono più vicini allo zoccolo di quelli dei posteriori (nell’orma posteriore, a meno di situazioni particolarissime, non si vedono mai gli speroni)
Nell’orma di cervo vedete evidenziato, con una riga tratteggiata blu, il bordo più lungo ed arcuato della “pinzetta” esterna; con due ellissi tratteggiate rosse l’impronta (grosso modo) dei fettoni (è sempre ben definita la fine ma quasi mai l’inizio); con due segmenti paralleli (tratteggiati gialli) due ipotetiche linee tangenti il bordo delle suole (come vedete i segni degli speroni sono all'interno di tali righe). Le stesse linee gialle le vedete anche nell’orma di capriolo per evidenziare come, oltre a presentare le impronte degli speroni tipicamente appuntite e “ruotate” di 90° rispetto alla linea delle suole, nel capriolo tali impronte sono leggermente più esterne rispetto al bordo delle suole stesse.
 
3° immagine da determinare:
Si riparte con le classificazioni (quando valutate le dimensioni, considerate sempre che a volte il righello non è posizionato proprio all'inizio dell'orma .... ok?!)
Michimor: 
Questa volta volevo studiare a fondo, ma approfondendo le mie conoscenze mi sono ritrovato con la risposta tra i piedi...(scherzo ) anzi tra gli zoccoli.... Una prima impressione mi portava a pensare: capriolo ciccione o daino invece!!!????? 
Elenamonti: 
Visto che l'altra volta ho fatto un figurone ora non posso tirarmi indietro. Per essere un capriolo mi pare un po' troppo grande. Se fosse cinghiale sarebbe più largo (e probabilmente vedrei anche gli speroni). Al solito resto in ballo con daini e cervi. Sono tentata di dire anteriore di daino. 
Michimor: 
Attenzione Luciano è un furbone!!!!!!!!!!! 
Luciano: 
Morenoooo!!!!! ..... Se non smetti di suggerireee .......... ti mando dietro la lavagna con ..... i calchi delle impronte sotto le ginocchia (Federico sbrigati a farli ....... altrimenti mi tocca ripiegare sui vecchi ..chicci di granoturco)!!! 
Per Elena, ...... brava comunque, .. . perchè l'individuazione dei caratteri distintivi è praticamente corretta .... attenzione ad un "particolare elemento aggiuntivo". 
Fabio: 
Forse per un maschio di capriolo adulto l'orma non è poi così enorme, il fatto sia particolarmente sottile latero-lateralmente mi fa pensare proprio a questo animale(magari è un posteriore), l'unghia sinistra mi pare un po' più lunga (forse è la luce che inganna?) e arcuata della destra, quindi azzardo: posteriore sinistro di capriolo maschio. 
Magari invece è il posteriore sinistro di un cervo femmina? (più piccola e gli speroni non compaiono quasi mai come dicevi...) 
Luciano: 
CITAZIONE (elenamonti @ 25/11/2007, 17:10) 
....... sono tentata di dire anteriore di daino ...... 
 
L’errore non è grave perché la proporzione fettoni-suola è simile, e anche con le dimensioni (parlando di femmine) ci siamo ....... però nel daino la forma è più a cuore e quindi le pinzette sono meno triangolari....... c’è inoltre un altro elemento tipico della specie che l’ha lasciata ...... 
 
CITAZIONE (Fabio.Rossi @ 26/11/2007, 11:42) 
......... il fatto sia particolarmente sottile latero-lateralmente mi fa pensare proprio a questo animale(magari è un posteriore), l'unghia sinistra mi pare un po' più lunga (forse è la luce che inganna?) e arcuata della destra, quindi azzardo: posteriore sinistro di capriolo maschio ....... 
 
è vero che le pinzette assomigliano di più a quelle di un capriolo che non al daino o al cervo (dove sono più “rotondeggianti”), così come è vero che l’unghia sinistra è più lunga ed arcuata della destra, ........ dovrebbe però essere un “capriolone” e poi non torna il conto valutando i fettoni......troppo grandi. 
 
Va bene!!! sono stato un po’ “bastardo” ma ve lo avevo anticipato!!!!! 
 
CITAZIONE (luciano54 @ 24/11/2007, 10:09) 
........ posto quindi un'altra orma da individuare .... un po' più difficile ...  
 
Ok, veniamo alla soluzione ......... mi raccomando se vi rimangono dei dubbi o delle curiosità da togliervi ........ senza remore! 
 
L’impronta è quella del piede anteriore sinistro di un maschio di muflone ....L'elemento tipico della specie è il bordo "appuntito" delle suole (nell'impronta si vede bene solo quello di destra (a sinistra c'era erba ed anche ombra). Nel muflone la grandezza dei fettoni negli arti anteriori è poco meno di metà della suola ......mentre in quelli posteriori circa 1/3. 
Elenamonti: 
Mi mancavano totalmente i riferimenti per come riconoscere un'impronta di muflone!!!! 
e dire che mi era anche venuto il dubbio ... poi mi sono detta "ma vuoi che proprio ci vada a mettere l'impronta di quei quattro mufloni residui???" .... detto fatto!!!! 
Luciano: 
Hai perfettamente ragione .... nelle nostre zone è difficilissimo imbattersi nelle orme di questa specie .. e quando capita difficilmente sono decifrabili in modo chiaro; ancora piu difficile (se non impossibile) è la discriminazione delle impronte della femmina da quella del maschio.
 
4° immagine da determinare:
Luciano: 
Come promesso vi posto l'immagine di un'orma un po' più facile della precedente; considerate comunque che non dovete mai dare niente per scontato, ..che spesso purtroppo le impronte non ci appaiono perfette come vengono descritte nei manuali e che proprio per questo è molto importante ragionare, oltre che su ciò che si vede, ...... anche su quello che non si vede!!! 
Ursusarctos: 
Sai essere più enigmatico di una sfinge, eppure l'avatar con la volpe non è il tuo, mha! 
Ragionando su quello che non si vede...dovremmo per caso"vedere"degli speroncini in basso? 
Luciano: 
Proprio così .... possiamo dedurre che, data la relativa “profondità” dell’impronta, se si trattasse di capriolo (la specie che sull’anteriore ha gli speroni più vicini) dovrei vedere perlomeno un leggero segno degli speroni ............ se fosse ..... ecc, ecc. 
Michimor: 
Questa volta senza tanto pensare dico: daino anteriore sinistro. 
Luciano: 
E vaaaiiiii!!!!  Io penso però che tu ci abbia pensato ..... (almeno un po')! Facciamo una precisazione relativa alle dimensioni: sono un po' piccole per un palancone (di solito 7,5-8 cm di lunghezza) e sono un po' grandi per una femmina o un fusone (raramente superiori ai 6 cm di lunghezza); quindi o si tratta di fusone o femmina piuttosto grossi .... o più facilmente di un balestrone!! 
P.s Una considerazione molto importante relativa alle impronte è che quasi mai si trovano orme così "nitide" come quelle che vi posto e che quindi il dubbio sulla determinazione spesso assilla anche le persone più preparate! Alla fine, come al solito, è l'esperienza che risulta determinante ...... preceduta però da una buona preparazione teorica .... che spero sia quello che stiamo perseguendo con questa discussione!!!
 
 
Nelle immagini seguenti si vedono tre impronte ....... occorrerebbe fare un ragionamento comune ...(intendo di "raffronto") per determinarle con precisione!!!
Michimor: 
AIUTOOOO!!!!! Almeno se sono tutte dello stesso ungulato lo potresti dire VEROOO!!!! 
Però la 1° e la 3° si somigliano di più rispetto alla 2°,si notano anche sovrapposizioni nella 2° e 3°. 
Luciano: 
Si appartengono tutte alla stessa specie! 
 
CITAZIONE (michimor @ 6/12/2007, 00:32) 
.... Però la 1° e la 3° si somigliano di più rispetto alla 2° ..... 
 
Vero! Vedi che sei già sulla buona strada!!!!  
 
CITAZIONE (michimor @ 6/12/2007, 00:32) 
.....si notano anche sovrapposizioni nella 2° e 3° .... 
 
Altrettanto vero!! ..... Le sovrapposizioni sono però abbastanza diverse perché  .... Ai prossimi postatori l’ardua sentenza!!!!! 
Michimor: 
Viste le dimensioni 8/9cm consideriamo daino adulto e cervo femmina o subadulto. La 1° sembra anteriore dx perchè i due zoccoli, in punta, sono abbastanza distanti, visibili i due fettoni; le altre due sono entrambe sovrapposte, la 2° visibili i fettoni , direi anche queste dx mentre nella 3° si nota, almeno credo, uno sfalsamento che indica un'andatura sostenuta. Mi verrebbe da dire viste le somiglianze che la 1° e la 3° sono di cervo subadulto e la 2° di daino per via di quel ristringimento da metà verso la punta ma forse è la sovrapposizione e poi hai detto che sono tutte dello stesso ungulato... 
Luciano: 
CITAZIONE (michimor @ 6/12/2007, 23:26) 
Prima di tutto grazie per l'aiutino ma non sei così buonino come dici..... 
Viste le dimensioni 8/9cm consideriamo daino adulto e cervo femmina o subadulto .... 
 
Attentoooo!!! Considera bene i segni dei fettoni ... e ti accorgerai che nella tua frase c'è un errore; e io ti dimostro subito che sono buonino .... rimettendoti in carreggiata. Guarda bene i "piedi" del daino in questa immagine:
CITAZIONE (michimor @ 6/12/2007, 23:26) 
.....La 1° sembra anteriore dx perchè i due zoccoli, in punta, sono abbastanza distanti, visibili i due fettoni; le altre due sono entrambe sovrapposte, la 2° visibili i fettoni, direi anche queste dx mentre nella 3° si nota, almeno credo, uno sfalsamento ..... quel ristringimento da metà verso la punta ... 
 
Qui andiamo meglio, ... direi di non "limarsi" molto la testa cercando di individuare se l'orma è destra o sinistra .... non è sempre facile definirlo ed è un dettaglio.... quindi diciamolo solo quando la cosa è certa. 
Bene, ora nelle immagini seguenti (due delle immagini che vi ho già postato), valuta attentamente: i segni lasciati dai fettoni (e quindi le loro dimensioni), le dimensioni e la forma degli zoccoli.
 
Elenamonti: 
Quindi fettoni con dimensioni intorno ai 3 cm. nel daino dovrebbero essere più grandi e occupare circa la metà della lunghezza totale dello zoccolo. Quindi escludo daino e dico cervo! E per essere completi: un capriolo dovrebbe avere un'impronta più piccola, come pure un cinghiale (che avrebbe anche fettoni più grandi). 
Luciano: 
Ok per la specie, ....brava! .. (era lì anche Moreno ... ha avuto solo il poco ragionevole dubbio iniziale del daino) ...... vorrei però qualcosa di più (dal momento che c’è la possibilità di un confronto diretto e che adesso sappiamo che sono tutte orme di cervo). Anche in questo caso devo dire che Moreno ha indicato delle cose giuste dal punto di vista della descrizione ..... un po’ meno nella determinazione .... ma siamo vicini!! 
 
Qualche ulteriore indicazione anche a te! 
Vero che il capriolo avrebbe dovuto lasciare un’impronta più piccola ..... ma non si può dire altrettanto del cinghiale; attualmente la mole dei cinghiali è talmente variabile, che non si può definire con certezza una dimensione limite delle impronte ...... (che possono comunque sicuramente raggiungere i valori delle orme che vi ho postato). Bene per la grandezza dei fettoni (a titolo di raffronto vi posto un’immagine) .... hai però dimenticato di citare la mancanza degli speroni i cui segni, in impronte di animali adulti, si sarebbero visti bene!
Michimor: 
Effettivamente la forma della seconda mi ha un po' ingannato, non saprei cosa aggiugere ...."illuminaci" tu per piacere. 
Luciano: 
Facciamo un rapido (nel limite del possibile) commento alle tre impronte; per maggior chiarezza le riposto una ad una commentandole. 
Una piccola premessa: non mi aspettavo minimamente che riusciste a fare i commenti che leggerete (sarebbe stato difficile anche per una persona molto esperta); siete stati molto in gamba ad individuare la specie ed a fare qualche altra considerazione molto oculata quindi ..... continuate così!!!!! 
Io dal mio canto continuerò ad incrementare gradatamente il grado di difficoltà delle determinazioni, avremo così modo di valutare assieme gran parte delle variabili che concorrono alla discriminazione delle impronte! Se però vi sembra che stiamo facendo passi troppo lunghi ....... ditemelo ..... che li accorciamo un po’ ...ok? 
 
La prima immagine che valutiamo (è quella che vi avevo postato come seconda immagine) sono le tracce sovrapposte di uno zoccolo posteriore che calpesta sopravanzandolo leggermente un anteriore (difficile dire se dx o sx) di una femmina adulta di cervo! Il fatto che sia una femmina si deduce dalla linea esterna (tratteggio blu, prima immagine) che presenta le caratteristiche individuate da Moreno: 
CITAZIONE (michimor @ 6/12/2007, 23:26) 
.... per via di quel ristringimento da metà verso la punta .......
Nelle impronte delle femmine infatti il filo esterno dello zoccolo tende a “curvare” verso l’interno da poco oltre la linea dei fettoni, mentre nei maschi i fili esterni corrono paralleli fino a circa 2/3 dell’impronta (tratteggio blu, dell'immagine seguente)
 
Inoltre nella sovrapposizione si nota come l’impronta posteriore sia grande poco meno dell’anteriore, mentre nei maschi (terza immagine, linee fuxia = anteriore, gialle = posteriore) la differenza è più marcata ed aumenta con l’avanzare dell’età.
 
L’arto posteriore che sopravanza leggermente calpestandolo l’anteriore, è una costante degli ungulati che si muovono al passo; il grado di sopravanzamento diventa tanto maggiore quanto più il passo è veloce ..... (al trotto lo zoccolo posteriore si imprime totalmente davanti all’anteriore, tanto più distante quanto più il trotto è veloce). Nella prima immagine vediamo quella che si chiama impronta a quattro cuscinetti (i due cuscinetti posteriori si trovano subito davanti ai due anteriori) ed è caratteristica di un passo “di spostamento” piuttosto tranquillo! La seconda e terza immagine si riferiscono rispettivamente all’orma anteriore destra (bravo Moreno) ed alla sovrapposta del lato destro (al passo tranquillo) di un maschio subadulto di cervo. Nella terza immagine si possono osservare altre due cose interessanti: la prima è relativa a quella che viene chiamata traccia diagonale (zoccolo posteriore leggermente esterno rispetto all’anteriore ..... tipico dei maschi e delle femmine gravide) ed il segno del “filetto” o filo (spazio fra le due pinzette) molto maggiore (sempre) nell’arto anteriore!